Voci insistenti affermano che il Milano Auto Show, la fiera automobilistica che avrebbe sostituito il Motor Show di Bologna, non si terrà

Da qualche tempo circola voce che Milano Auto Show, la fiera dell’automobile organizzata da Alfredo Cazzola, non avrebbe avuto luogo e oggi secondo il Sole24Ore e Repubblica questa eventualità diventa sempre più reale. All’evento di Rho Fiera hanno confermato la loro presenza solamente Fiat e Audi tra i big mentre le case giapponesi, coreane e le altre tedesche hanno deciso di partecipare alla concorrente Motorshow di Bologna.

Motorshow di Bologna vs Milano Auto Show

Il tutto nasce nel novembre 2013, quando i vertici del Motorshow di Bologna avevano annunciato l’annullamento dell’edizione di quell’anno poiché “è il mercato a non volere il salone”. Non appena si sono presentate le condizioni legali per poterlo fare, Alfredo Cazzola, amministratore unico GI Events Italia ed ex numero uno di Promotor, aveva annunciato la nascita di un nuovo salone dell’auto a Milano che avrebbe sostituito il Motorshow di Bologna. La cosa ha ovviamente indispettito i vertici di BolognaFiere, che manteneva il diritto di organizzare la kermesse fino al 2025. Dopo pochi giorni è arrivato l’annuncio che l’edizione 2014 del Motorshow, che con l’iniziativa Route Motor Show permette di vedere l’Emilia Romagna da un punto di vista inedito, si sarebbe tenuta regolarmente dal 6 al 14 dicembre. Attualmente Milano Auto Show è ancora in calendario a Rho dall’11 al 21 dicembre, ma per quanto?

Leggi anche:  Un nuovo "Fiocco" in casa Autentico Hotels

Cazzola smentisce: “Milano Auto Show si farà”

Cazzola ha in seguito confermato che il Milano Auto Show si terrà nei giorni e nelle modalità previste e che lunedì ci si sarà un incontro con la stampa “per spiegare le novità che presenteremo”. “Noi stiamo lavorando normalmente, non abbiamo mai smesso di farlo. – ha continuato l’amministratore unico GI Events Italia – Siamo anzi rimasti stupidi dal leggere che il Milano Auto Show non si sarebbe fatto, non riusciamo a capire da dove sia nata questa idea”.