Stando ai risultati emersi dalla 25esima indagine sulla qualità della vita pubblicata oggi da ‘Il Sole 24 ore’ è Ravenna la provincia italiana dove si vive meglio, mentre il fanalino di coda è Agrigento

Le aree dove si sta meglio sono i centri montani del Nord Est e alcune realtà emiliano-romagnole. Nella top ten anche alcune grandi città come Roma e Milano migliorano rispetto al passato.

Numerosi parametri a confronto

A confronto le performance di vivibilità delle province italiane, analizzate tramite una complessa serie di parametri divisi in sei capitoli d’indagine, ciascuno basato a sua volta su sei parametri e su una graduatoria di tappa: Tenore di vita, Affari e Lavoro, Servizi ambiente salute, Popolazione, Ordine pubblico e Tempo libero.

Ravenna svetta in cima alla classifica, per la prima volta, soprattutto grazie agli alti voti ottenuti in materia di Servizi, nel capitolo Affari e lavoro, e nella Popolazione.
Solo l’Ordine pubblico lascia a desiderare, a causa dell’alto numero di reati denunciati. Del resto, numerose province del Nord oltre che le grandi città lamentano il problema comune della sicurezza. Guardando in coda alla top ten, se Agrigento si piazza bene invece da questo punto di vista, mentre negli altri ambiti e specialmente su lavoro e ambiente versa in condizioni di arretratezza.

La vittoria delle medio-piccole

Sono soprattuto le realtà medie o piccole montane del Nord Est ad ottenere i risultati migliori:
Trento è seconda, Belluno quarta, Bolzano decima. Ma anche le realtà emiliano-romagnole tengono testa con Modena, Reggio Emilia e Bologna nelle prime 10. Buoni risultati anche al Centro, in particolare delle province toscane (Siena è nona e Livorno 11). Il Mezzogiorno riesce a spingersi nella prima parte della classifica solo con le province sarde (Olbia-Tempio, Sassari e Nuoro). Per il resto compare nel fondo della classifica, dove prevalgono province siciliane, calabresi e pugliesi. A Napoli, ultima nel 2013, spetta il 96esimo posto.
E le grandi metropoli? Progressi sia per Milano, che scala due posti e si classifica ottava, che per Roma che scala otto posizioni e arriva al 12esimo posto.
La capitale supera persino Milano per tenore di vita Modena, spingendo il capoluogo lombardo al terzo posto dopo Aosta. Reggio Emilia conquista il primo posto per affari e lavoro. Ravenna è “top” per servizi, ambiente e salute, Siena vince per popolazione con un’alta presenza di giovani e una bassa percentuale di divorzi e separazioni.

Leggi anche:  Stress, è vero che fa venire i capelli bianchi