Le nuove linee guida sul consumo di caffè dell’Efsa stabiliscono che bere più di 4 tazzine di caffè al giorno fa male alla salute, soprattutto per le donne in gravidanza e i giovani sotto i 18 anni

Per la prima volta è stato condotto uno studio a livello europeo, che hanno portato l’agenzia europea per la sicurezza alimentare a definire nuove raccomandazioni riguardo al consumo di questa bevanda, che può causare dipendenza come una vera e propria droga. Certo non tutti amano il caffè e ognuno ne beve tanto quanto il proprio organismo ne richiede, visto che è stato dimostrato che l’amore o l’odio per il caffè, il cui genoma è stato sequenziato di recente, risiede nel nostro Dna.
Annoverati tra gli effetti nocivi di breve termine su adulti e bambini sono il sonno interrotto, ansia e variazioni del comportamento.
Sul lungo termine una dose eccessiva di caffeina consumata quotidianamente può portare problemi cardiovascolari e, in donne in maternità, a un ridotto sviluppo del feto.

Attenzione a tutte le fonti di caffeina

Quali sono quindi le dosi giornaliere massime di caffè consentite? Per i più piccoli bisogna fare attenzione anche al consumo di bevande energetiche e bibite contenenti caffeina.

«Il rischio per la salute non è enorme – ha detto il portavoce dell’Efsa – ma c’è. Il messaggio principale è che i consumatori dovrebbero tenere conto delle diverse fonti di caffeina, oltre al caffè».

Secondo l’Efsa, per un adulto la dose giornaliera per un consumo sicuro di caffeina è di 400 milligrammi. Una tazzina contiene dai 70 ai 100 milligrammi di caffeina, quindi ne risulta fissato a 4 il limite massimo di tazzine di caffè da bere al giorno. Ancora meno per le donne incinte, la cui dose massima è 200 milligrammi: oltre le due tazzine di caffè si rischia di provocare danni al feto. Sembra invece che per le donne bere 2 caffè al giorno aiuti a tenere lontano il cancro al seno, secondo una recente ricerca. Massimo 3 milligrammi per ogni chilogrammo di peso corporeo per i bambini e gli adolescenti. In precedenza la scienza ha dimostrato che bere 4 tazzine di caffè al giorno riduce il rischio di diabete, mentre bere una tazzina al giorno fa bene anche alla vista. Le proprietà del caffè agiscono positivamente anche riducendo il rischio di malattie croniche come il morbo di Parkinson, il cancro alla prostata, il morbo di Alzheimer e in generale rallentano il declino cognitivo legato all’età.

Effetti stimolanti dopo 15 minuti

La metabolizzazione della caffeina avviene in modo rapido e completo. Gli effetti stimolanti possono insorgere da 15 a 30 minuti dopo l’assunzione e permangono per alcune ore. Negli adulti il periodo necessario per lo smaltimento del 50% della caffeina varia a seconda di fattori come età, peso corporeo, gravidanza, assunzione di farmaci e stato di salute del fegato. Se un soggetto è sano, la metabolizzazione della caffeina avviene in circa quattro ore, con estremi dalle due alle otto ore.