Arriva dal regista Peter Bogdanovich l’appello di crowdfunding per portare a termine l’incompiuto “The Other Side of the Wind”, del maestro Orson Welles

La pellicola è liberamente ispirata allo scrittore Ernest Hemingway, ma ritroviamo molto anche dello stesso Welles, figura ispirata e geniale, ma anche tormentata: la storia racconta di un vecchio regista indipendente, interpretato da John Huston, che cerca di rilanciare la sua carriera nel tentativo di finire ad ogni costo la sua dissacrante opera, osteggiato da Hollywood.

“Promettimi che lo finirai”

A questa pellicola Welles aveva lavorato ininterrottamente per 15 anni fino alla sua morte, nel 1985. Girato a colori e in bianco e nero e in vari formati (35 e 16 mm e super 8), “The Other Side of the Wind” trae ispirazione da un vero incontro del 1937 tra Welles e Hemingway in occasione del quale lo scrittore diede al regista del “ragazzo effeminato”. Nel cast ci sono anche Susan Strasberg, Lilli Palmer e Dennis Hopper.
Finora i negativi prendevano polvere da anni in un magazzino di Parigi, oggetto di contesa da parte dei titolari dei diritti d’autore: Beatrice, l’unica figlia di Welles, un cognato dello scià di Persia e Oja Kodar, l’ultima compagna ma anche collaboratrice del regista.
E’ Bogdanovich però che, in occasione del centesimo anniversario dalla nascita di Welles, mette tutti d’accordo su ciò che è più importante: finire il film, portare a termine l’opera incompiuta e vederla finalmente nelle sale.

“Me lo chiese lui nel 1970: promettimi che lo finirai, qualsiasi cosa mi accada”, dice oggi il regista.

Un’impresa non impossibile

Come sempre però il principale scoglio da superare sono i fondi necessari per un progetto così costoso. Oggi il metodo più pratico e veloce per ottenerli è senz’altro il crowdfunding, per cui il team del film si è rivolto così alla piattaforma Indiegogo per dare il via alla sua campagna. L’obiettivo finale? Raccogliere almeno 2 milioni di dollari entro il 14 giugno per finanziare editing, musica e altri costi di post-produzione. Siamo al momento alla soglia dei 75.000 dollari, ma arrivare a 2 milioni di dollari su Indiegogo non è una missione impossibile. Anche Telecom Italia ha lanciato la sua piattaforma di crowdfunding, online con il nome di  WithYouWeDo,  per la raccolta fondi affinché possano essere realizzate idee e progetti aventi un valore e un contenuto ad impatto sociale.

Leggi anche:  I suoni che ci sono mancati di più durante la pandemia

Il film potrebbe persino riuscire ad arrivare nelle sale entro la fine dell’anno. Queste rosee previsioni sono dovute ai precedenti positivi di crowdfunding su questa piattaforma, dove in aprile una compagnia di comici, la Broken Lizard, ha incassato la stessa somma in appena 24 ore. Tuttavia non c’è la sicurezza che questo progetto susciti l’interesse sperato, anche se la stessa figlia di Welles ne è entusiasta.

“Penso che Orson si sarebbe divertito. Hollywood non gli piaceva”, ha detto, definendo l’idea interessante: “Così anti-establishment, in linea con chi era mio padre”.