Elevati livelli di inquinamento atmosferico affaticano il cervello dei più piccoli

Si parla di “effetto down” riferito al rallentamento cerebrale di cui possono soffrire i bambini esposti ad alti livelli di inquinamento, secondo quanto sostenuto dagli scienziati del Centre for Research in Environmental Epidemiology di Barcellona, in uno studio pubblicato sulla rivista ‘Epidemiology’. I piccoli esposti allo smog emesso dal traffico stradale durante il tragitto verso la scuola farebbero più fatica a seguire le lezioni in aula, impiegando più tempo per rispondere alle domande e accusando in generale difficoltà a concentrarsi. Questi sono i sintomi osservati dagli studiosi spagnoli, effetti che tendono ad aggravarsi nei giorni caratterizzati da picchi elevati di inquinamento atmosferico. La teoria che lo smog danneggi il cervello è già stata sviluppata da precedenti studi, che hanno dimostrato che le sostanze inquinanti sono tossiche per i neuroni e potrebbero facilitare l’insorgere di depressione, psicosi, demenze precoci. In particolare l’inquinamento nuoce gravemente al cervello dei neonati. Secondo una ricerca dell’Università di Torino l’inquinamento sarebbe responsabile persino di mutazioni genetiche e alterazioni del DNA. Del resto gli effetti negativi dell’inquinamento urbano sulla salute sono ormai noti a tutti: oltre a peggiorare le condizioni di chi soffre di attacchi d’asma, lo smog, che nelle grandi città viene respirato dall’80% della popolazione, danneggia persino i denti e accelera l’invecchiamento della pelle. 

Smog pericolo per il neurosviluppo

Lo studio ha interessato un campione di 2.600 alunni tra i 7 e i 10 anni, attraverso dei test di valutazione delle capacità di stare attenti n classe e confrontando i risultati con le oscillazioni nella qualità dell’aria. Ne è emerso che quando i fumi nocivi del traffico erano al massimo, si è verificata una riduzione della capacità di concentrazione su compiti di problem-solving. Sono gli elementi “neurotossici” contenuti nell’aria, spiegano gli esperi, che possono danneggiare il cervello dei bambini.

E “l’inquinamento atmosferico può avere potenziali effetti dannosi sul neurosviluppo. Il nostro studio suggerisce che lo smog da traffico potrebbe influenzare le prestazioni cognitive dei bambini in età scolastica”.

Inquinamento migliorato, ma non basta

“In Europa 467mila morti l’anno per smog e inquinamento”. E’ quanto afferma il rapporto “Qualità dell’aria in Europa 2016, pubblicato dall’Agenzia europea per l’ambiente (Eea). Nonostante la qualità dell’aria nel Vecchio continente stia migliorando, “l’inquinamento atmosferico resta il principale fattore ambientale di rischio per la salute delle persone”, abbassa la qualità della vita.

La ricerca presenta un quadro aggiornato del periodo tra il 2000 e il 2014 sulla base di dati provenienti da stazioni di monitoraggio dell’aria ufficiali, tra cui più di 400 città in tutta Europa. Un dato rilevante è che nel 2014 circa l’85% della popolazione urbana nell’Unione europea è stata esposta a particolato fine (PM2.5) a livelli ritenuti dannosi per la salute dalla Organizzazione Mondiale della Sanità. “La riduzione delle emissioni ha portato a miglioramenti della qualità dell’aria in Europa, ma non abbastanza per evitare danni inaccettabili per la salute umana e l’ambiente”, ha detto Hans Bruyninckx, a capo dell’Agenzia europea per l’ambiente con sede a Copenhagen. Sono necessari – ha aggiunto – maggiori sforzi da parte delle autorità pubbliche e delle imprese, così come dei cittadini e ricercatori”.