Allarme dell’Oms, l’Italia è uno dei Paesi con la qualità d’aria peggiore

L’inquinamento atmosferico è responsabile di 9 milioni di morti all’anno e può danneggiare gravemente la nostra salute, favorendo anche l’infertilità maschile e l’osteoporosi. Sappiamo da precedenti ricerche che lo smog danneggia il cervello, con conseguenze gravi anche per i bambini, rallentandone lo sviluppo cognitivo.

L’inquinamento sarebbe responsabile persino di mutazioni genetiche e alterazioni del DNA. Del resto i suoi effetti sulla salute sono ormai noti a tutti: oltre a peggiorare le condizioni di chi soffre di attacchi d’asma, lo smog, che nelle grandi città viene respirato dall’80% della popolazione, danneggia persino i denti e accelera l’invecchiamento della pelle. Oggi l’Oms lancia un’allerta importante in occasione  della prima Conferenza Globale sull’inquinamento dell’aria e la salute: oltre il 90% dei ragazzi sotto i 15 anni nel mondo respira aria quotidianamente aria inquinata, causa di 600mila morti infantili. In Italia addirittura il 98% dei bambini è esposto a livelli troppo alti di polveri ultrasottili.

Gli effetti già in gravidanza

“L’aria inquinata sta avvelenando milioni di bambini e rovinando le loro vite – afferma il direttore Generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus -. Questo è imperdonabile. Ogni bambino dovrebbe poter respirare aria pulita per crescere al massimo del proprio potenziale”.

Secondo il rapporto gli effetti dell’inquinamento dell’aria si sentono già dalla gravidanza, durante la quale l’esposizione causa parti prematuri e basso peso alla nascita. Lo smog inoltre può scatenare malattie respiratorie come l’asma, ma anche favorire tumori infantili. Inoltre chi ha respirato aria inquinata da piccolo ha un rischio superiore di sviluppare malattie croniche cardiovascolari da adulto.