L’opera intitolata “La persistenza del caos” è stata venduta all’asta online a New York per 1,345 milioni di dollari

E’ possibile che un laptop venga considerato un’opera d’arte? Se il PC in questione, un Samsung NC10-14GB, è infestato da sei tra i virus considerati più pericolosi al mondo, non c’è da stupirsi che sia stato battuto all’asta negli Stati Uniti per l’esorbitante cifra di 1,345 milioni di dollari.

Intitolata “La persistenza del caos”, l’opera è stata creata dall’artista cinese Guo O Dong, in collaborazione con la società di sicurezza informatica Deep Instinct (che ha fornito i malware che responsabili di danni per 95 miliardi di dollari). L’idea è quella rappresentare l’emblema di una tra le principali minacce all’umanità, come si evince anche dal commento dell’artista: “Abbiamo questa illusione per cui quello che accade nei computer non può influenzarci direttamente ma è assurdo”.

Ecco i 6 virus che “infestano” l’opera

L’opera d’arte si esprime “fisicamente” attraverso un laptop del 2008, con display da 10,2 pollici e sistema operativo Windows XP SP3; al suo interno ci sono i malware “WannaCry”, considerato il più celebre di sempre e che ha colpito più di 200 mila persone in 150 paesi due anni fa), “MyDoom” (malware del 2004, forse di origini russe e considerato uno dei ‘worm’ più rapidi nel diffondersi), “I LOVE YOU” (del 2000, distribuito via email e tramite i circuiti di file sharing), “SoBig” (del 2003, in grado di copiare file e inviarli ad un server remoto) “DarkTequila” (del 2013, diffuso prevalentemente in Sud America), “BlackEnergy” (che ha provocato blackout su larga scala in Ucraina nel dicembre del 2015).

L’asta online che ha organizzato la vendita ha però vietato da contratto all’acquirente, che non è stato ancora identificato, di diffondere i virus contenuti nel laptop, che possono essere utilizzati solo per ricerca.”Ricordati che questi sono campioni di malware vivi e pericolosi” e che “la vendita di malware per scopi operativi è illegale negli Usa”, si legge infatti sul sito dell’asta online.

Leggi anche:  Sanremo 2019, intervista a Motta