Back Market, marketplace internazionale dedicato alla tecnologia ricondizionata, racconta quali sono i principi che hanno portato alla nascita del Repair Day, istituito nel 2017 con l’intento di rendere i prodotti elettronici più durevoli e facili da riparare

La mission di Back Market è quella di aumentare la fiducia e il desiderio per i dispositivi ricondizionati, un’idea che si allinea perfettamente allo spirito del Repair Day 2021, la giornata internazionale promossa dall’Open Repair Alliance che, proprio il 16 ottobre, celebra il valore delle riparazioni.

L’azienda, primo marketplace per prodotti elettronici ricondizionati, propone una lista di (almeno) sei buoni motivi che illustrano l’utilità delle riparazioni non solo per gli oggetti ma anche per le persone.

Per l’azienda, primo marketplace per prodotti elettronici ricondizionati, è un modo per sostenere un’iniziativa che esprime gli stessi valori cui si fonda il proprio business, cioè la promozione di scelte responsabili e di comportamenti sostenibili.

La lista di Back Market

1. Aggiustare anche il Pianeta

Il mondo è assediato dalla sovrapproduzione di rifiuti. Soprattutto quelli elettronici, la categoria più tossica e in rapida crescita: secondo la Global E-waste Statistics Partnership (Gesp), nel 2019 erano stati generati 53,6 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici e solo il 17,4% riciclato correttamente. Larga parte finisce ancora nelle discariche illegali con conseguenze disastrose per l’ambiente e la salute. Soprattutto nelle zone più povere della Terra. Aggiustare, d’altronde, deriva da “giusto”: quando aggiustiamo rendiamo pertanto il mondo migliore.

Leggi anche:  Piazza Olivetti accoglie la stele con il simbolo dell'Elaboratore Olivetti ELEA 9003

2. Educare e crescere

Trasferire ai bambini l’importanza di riparare, o quantomeno provare a farlo, un giocattolo danneggiato o un libro sciupato vuol dire trasferire i valori del rispetto, della cura e dell’attenzione. Anche verso l’impegno delle persone care, visto lo sforzo dietro ogni acquisto in famiglia

3. Divertirsi insieme, grandi e piccini

La riparazione può anche trasformarsi in un divertente momento di condivisione. Tra amici, come ad esempio accadeva un tempo quando era frequente ritrovarsi insieme ai compagni per riparare un motorino. Ma anche in famiglia: non importa se il risultato della riparazione non sarà ideale, sarà comunque perfetto perché raggiunto insieme! Di fronte a una bambola rotta, quindi, nessun indugio: armiamoci di colla e attrezzi e mettiamoci al lavoro. È anche un bel modo per scaricare lo stress!

4. Gratificarsi e accrescere l’autostima

Anche chi si dichiara incapace nel fai-da-te, probabilmente ha soltanto timore di non riuscire. E, invece, chiunque può farcela a poco a poco. D’altronde, nel cimentarsi con pinze e cacciaviti, oggi arrivano in soccorso anche i tantissimi tutorial che il web offre, soprattutto in forma di video. E con il crescere dell’abilità e dei risultati, cresce anche la fiducia in sé stessi e l’autostima.

5. Allungare la vita dei nostri ricordi

Lo stereo fedele compagno di tante giornate in gioventù, l’affettatrice elettrica che usava la nonna o il cellulare ricevuto per i 18 anni che ora ha quel bel design vintage. Chiunque ha i propri oggetti del cuore che raccontano di persone importanti o momenti felici. Ecco perché ripararli, invece di buttarli, estende la vita anche dei ricordi!

Leggi anche:  Al via gli acquisti natalizi con Amazon Made in Italy Rooftoop e Black Friday in anticipo

6. Sostenere gli altri

Se non si ha voglia o tempo di riparare un oggetto o se, nel farlo, non si ha avuto molto successo, c’è sempre una scelta alternativa e migliore rispetto alla…discarica. Ci si può affidare al negozio vicino di un riparatore: fino a poco tempo fa erano esercizi completamente spariti dai quartieri, mentre adesso stanno tornando ad essere presenti e meritano di essere sostenuti. Oppure, si può addirittura donarlo ad organizzazioni non profit impegnate per i più bisognosi, chiedendo prima se accettano anche oggetti da aggiustare perché attrezzati per le riparazioni.

 

Secondo Back Market, combattere la tendenza diffusa nel gettare via i prodotti alla prima difficoltà e sostenere le riparazioni è il modo migliore per dare un contributo concreto nello sviluppo dell’economia circolare e per rispondere alle aspettative di consumatori sempre più consapevoli.