Avviato un piano da 250.000€ per l’emergenza e la ricostruzione in collaborazione con la ONG Gawad Kalinga

Dopo il super-tifone Haiyan che ha colpito le Filippine l’8 novembre scorso, il personale Schneider Electric, sostenuto dalla Fondazione del gruppo, si è mobilitato per portare il proprio sostegno alle popolazioni colpite e aiutarle nella ricostruzione.

Schneider Electric ha deciso di coordinare le proprie azioni di aiuto per l’emergenza e la ricostruzione avviando un piano da 250.000€ e promuovendo una campagna internazionale per la donazione che ruotano attorno a due assi principali:

– Emergenza: La Fondazione Schneider Electric donerà 70.000 € per l’acquisto di beni alimentari per 20.000 famiglie (100.000 persone);

– Ricostruzione: sul medio termine, Schneider Electric dedicherà il proprio impegno a progetti che contribuiscano a ripristinare o portare l’accesso all’energia e progetti che prevedano la costruzione, la ricostruzione o il ripristino di centri di formazione tecnica dedicati alla gestione dell’energia. Schneider Electric proporrà ai propri dipendenti di intraprendere attività di volontariato nell’ambito delle attività dell’organizzazione non governativa Schneider Electric Teachers.

La campagna internazionale per le donazioni presso Schneider Electric è iniziata immediatamente dopo la catastrofe naturale e si è conclusa il 25 novembre e la Fondazione Schneider Electric si occuperà di corrispondere tutte le donazioni raccolte.

Tutte queste iniziative sono coordinate dalla Fondazione Schneider Electric e dalla rete dei suoi 120 delegati e un team di progetto dedicato basato nelle Filippine. Partner di Gawad Kalinga da agosto 2013, Schneider Electric sta collaborando a stretto contatto con questa Fondazione filippina, che mira a migliorare la qualità della vita delle persone più in difficoltà, per massimizzare l’impatto attraverso le sue competenze e la rete capillare.

Leggi anche:  Il ballo del doge 2019, festa a Venezia

Il programma di sviluppo delle comunità che Gawad Kalinga porta avanti con una visione olistica, include rifugi, assistenza sanitaria, istruzione, cibo e alloggi. Oggi, è la più grande ONG nelle Filippine ed ha realizzato più di 2.300 villaggi che ospitano circa 1 milione di persone, con l’aiuto di circa 1 milione di volontari. Il tifone Haiyan ha colpito quasi 600 di queste comunità.

La Fondazione Schneider Electric è attiva da più di un decennio grazie al coinvolgimento di tutto il personale della società. Essa ha già proposto più di 10 campagne di mobilitazione a seguito di calamità naturali: per esempio, in Giappone nel 2011, ad Haiti, in Pakistan e in Cile nel 2010, e nelle Filippine, Indonesia e Vietnam nel 2009. Dopo un primo contributo per l’emergenza, la Fondazione si impegna a collaborare con i team locali per mettere le competenze di Schneider Electric nel settore dell’energia al servizio della ricostruzione.