Antonello Soro, Garante della privacy, accusa i giornalisti di fare cattiva informazione dopo la diffusione dell’interrogatorio dell’ex ministro Claudio Scajola su telegiornali e quotidiani

Il Garante della privacy Antonello Soro, che ha lanciato l’allarme sul troppo potere in mano ai big del web, ha fortemente criticato sulle pagine dell’Avvenire la diffusione sui media dell’interrogatorio di Claudio Scajola, l’ex ministro della Repubblica arrestato a maggio con l’accusa di aver favorito il latitante Amedeo Matacena.

Soro: “L’interrogatorio di Scajola sui TG? Una barbarie”

“Ho ascoltato su tutti i telegiornali l’interrogatorio di Claudio Scajola e ho solo un aggettivo per descrivere quel minuto di televisione: una barbarie”, ha detto Soro. “A che serviva dare alla stampa l’audio di quell’interrogatorio? Cosa aggiungeva alla qualità e all’essenzialità dell’informazione? – ha continuato il Garante – La verità è che sono cresciute forme distorsive di giornalismo, che assecondano e incoraggiano le curiosità morbose dei lettori, senza riflettere su quanto si possa danneggiare, in modo irreparabile, la dignità di una persona e pregiudicare per sempre la sua vita di relazione”.

“Nessuna censura ma il giornalismo da trascrizione non mi piace”

Nella sua invettiva, Soro ha anche affermato che i giornalisti non hanno modificato a dovere il proprio codice deontologico e ha minacciato “un intervento del legislatore”. “Se non si esercita l’autodisciplina, prima o poi arriva una norma più rigida”, ha sottolineato il Garante. Soro infine ha respinto le accuse di voler censurare la stampa. “L’idea del bavaglio è estranea alla mia cultura.  – ha affermato il Garante – Chi informa i cittadini svolge un compito insostituibile, esercita doverosamente i diritti fissati dall’articolo 21 della Costituzione. Ma il giornalismo da trascrizione non mi piace. Può fare male, può sfregiare la vita di tante persone”. “Anche un indagato ha diritto al rispetto della propria dignità”, ha concluso Soro.

Leggi anche:  Chiara Ferragni per Intimissimi autunno/inverno