Uno studio della Seconda Università di Napoli conferma che la dieta mediterranea favorisce la longevità attivando gli enzimi che regolano la rigenerazione cellulare

La dieta mediterranea fa bene non solo alla linea ma anche alla longevità. Un team di ricercatori dell’Università II di Napoli ha studiato gli effetti di questo particolare regime alimentare su 200 pazienti aziani. Si è scoperto che un’alimentazione bilanciata basata su frutta, verdura, legumi, pesce, e cibi poveri di grassi è in grado di attivare gli enzimi che regolano il procedere della vecchiaia.

La dieta mediterranea attiva l’enzima anti-età

Lo studio, condotto da Giuseppe Paolisso, presidente della Società italiana di gerontologia e geriatria, ha evidenziato come la dieta mediterranea aumenti l’attività degli enzimi che rigenerano i telomeri, la parte finale dei cromosomi che controllano la rigenerazione cellulare. Questi regolatori dell’età ad “ogni divisione della cellula si accorciano fino ad arrivare a una soglia critica, oltre la quale non possono più diminuire. E’ a questo punto che parte il processo di senescenza cellulare. – ha spiegato Paolisso – Siamo andati a valutare i telomeri dei globuli bianchi dei partecipanti allo studio per capire se e soprattutto come l’alimentazione incida sulla loro lunghezza”. “Tanto più i soggetti seguivano una dieta mediterranea – ha concluso ricercatore il napoletano – quanto più risultava attivo l’enzima”. 

Leggi anche:  Aerosol per i bambini? Spesso inutile se non addirittura dannoso