Una ricerca dell’Università McMaster afferma che la cessazione della fertilità nelle donne è dovuta a un incidente evolutivo causato al poco desiderio dei maschi verso le donne più anziane

Secondo i ricercatori canadesi la colpa della menopausa sarebbe da ricercare nel calo del desiderio degli uomini nei confronti delle donne di una certa età. L’Università di McMaster afferma che la cessazione della fertilità sia uno scherzo dell’evoluzione e non un cambiamento per preservare le donne più vecchie dai rischi della gravidanza.

Colpa degli uomini

Per gli scienziati la menopausa sarebbe una risposta evolutiva a un comportamento sociale. Nel corso della nostra storia gli uomini hanno preferito avere rapporti sessuali con donne giovani al fine di perpetrare la specie. Così, arrivate ad una certa età, le mutazioni genetiche hanno impedito alle donne di effettuare l’ovulazione perché era diventato un inutile dispendio di energia.

Il cambiamento però ha portato alcuni effetti collaterali come: osteoporosi, problemi ormonali e vampate di calore. “In un certo senso è come l’invecchiamento, ma è diverso perché è un processo ‘tutto-o-niente’ che è stato accelerato per via dell’accoppiamento preferenziale”, ha spiegato Rama Singh, uno degli autori dello studio.

Leggi anche:  Resistenza agli antibiotici, in Italia il primato negativo di decessi