Al via la stagione invernale tra impianti rinnovati e attrezzature modernissime, piste per tutti i gusti e grandi sorprese in occasione del Centenario dello Sci sulle nevi più belle del Centro-Sud Italia.

18 stazioni sciistiche tra le più rinomate dell’arco appenninico, oltre 700 km di pista con più di 100 impianti di risalita, molti dei quali completamente ri-ammodernati, e dotati delle più innovative attrezzature per praticare ogni disciplina.

È questo il regno della neve nel cuore d’Italia: l’Abruzzo, vero e proprio paradiso per gli appassionati degli sport invernali che dal 19 dicembre potranno finalmente riappropiarsi di discese e percorsi innevati immersi nelle bellezza selvaggia e incontaminata della sua natura. Grazie alle nevicate di questi giorni, infatti, riaprono ufficilamente gli impianti della regione.

E proprio con l’apertura della stagione dello sci torna protagonista la qualità dell’offerta turistica abruzzese: ski area attrezzatissime, nuove strutture ricettive, comfort e proposte di svago per tutti i gusti che fanno delle sue montagne meta prediletta per gli appassionati di tutto il Centro e il Sud del Paese.

Dagli sciatori esperti ai praticanti alle prime armi, dagli snowboarder ai fondisti fino agli amanti dello scialpinismo e a coloro che prefersicono rilassarsi passeggiando per i boschi innevati: per grandi e piccini, sportivi e famiglie, le occasioni davvero non mancano negli splendidi comprensori della regione, dall’Altopiano delle 5 Miglia, all’Alto Sangro, dal Gran Sasso Aquilano a quello Teramano, dalla Majella Chietina a quella Occidentale, fino all’Altopiano delle Rocche, alla Valle del Sagittario e ai Monti Simbruini.

Leggi anche:  Idee per viaggi estivi: ecco 40 destinazioni in Europa

Anzitutto lo sci di fondo, per i cui praticanti le montagne di quest’area sono un luogo davvero paradisiaco: altopiani dolcemente ondulati, fitti boschi percorsi da carrarecce e mulattiere, valli in morbida pendenza offrono a chi ama questa disciplina una straordinaria varietà di percorsi.

Altra chicca delle nevi abruzzesi lo sci alpinismo con intinerari mozzafiato da scegliere sui valichi e le cime più maestose: dalla traversata Alta (con i 2.912 metri della vetta del Corno Grande) e Bassa del Gran Sasso, ai percorsi sul Monte Gorzano in cima alla Laga e sul Monte Camicia. E ancora i tragitti sul Canalone Maiori verso il picco del Sirente, nella La Val di Rose nel Parco Nazionale d’Abruzzo e sul Monte Amaro, la vetta più alta della Majella.

Divertimento assicurato poi con centinaia di piste da discesa adatte a tutti i livelli di preparazione e sempre perfettamente ammantate grazie ai moderni impianti di innevamento artificiale; snowpark super attrezzati per le acrobazie di snowboarder e freestyler, piste di snowtubing e quad, tracciati per lo slittino e piste di sleddog per la gioia dei più piccini.

Infine, per gli amanti di un contatto più intimo con la natura incontaminata, la suggestione di passeggiate con le ciaspole da farsi in solitudine o con guide alpine, alla scoperta delle meraviglie del Parco Nazionale d’Abruzzo o nel cuore del Parco Regionale Velino-Sirente.

Leggi anche:  Vacanze in Salento: Giardino Grande, a due passi dal mare per un relax esclusivo tra gli ulivi

Le grandi novità per la stagione 2009-2010 riguardano in particolare l’ammodernamento degli impianti in molte delle località sciistiche più amate d’Abruzzo.

In primo luogo Prati di Tivo con l’inaugurazione del nuovissimo impianto dotato di veicoli misti (seggiole quadriposto e cabine ad otto posti) con una stazione intermedia per le piste a quota 1.760 mt. e quella finale a 2006 mt.

Grandi trasformazioni anche ad Ovindoli, con il nuovo impianto seggioviario esaposto ad agganciamento automatico; a Campo Felice, con la sostituzione della vecchia sciovia del "Colle Sx" con una nuova seggiovia biposto ad agganciamento permanente, e a Pescocostanzo, dove la seggiovia Vallefura passa da monoposto a quadriposto.

Per grandi e piccini, infine, grandi sorprese in occasione del Centenario dalla prima competizione ufficiale svoltasi sulle nevi abruzzesi, quando a Roccaraso, nel febbraio 1910, atleti italiani, svedesi e norvegesi parteciparono alla prima gara di "salto e fondo" di scena su queste montagne.

Proprio a Roccaraso e nel comprensorio sciistico dell’Alto Sangro sono numerosi gli appuntamenti in programma per i festeggiamenti, concentrati in particolare nel periodo di Capodanno.

Il tutto in attesa del momento clou delle celebrazioni: la settimana dal 21 al 28 Febbraio 2010 quando si svolgeranno i Campionati italiani Juniores, una competizione sportiva di grande prestigio che farà da preludio ai Campionati Mondiali Juniores di Sci Alpino del 2012.

Leggi anche:  Il Gruppo LEGO lancia il nuovo set LEGO Technic Mars Rover Perseverance