Per il 2013 Il Sole 24 Ore ritiene che Trento sia la miglior città in cui vivere, seguita da Bolzano e Bologna. Male tutto il Sud con Napoli in ultima posizione al 107esimo posto

Anche quest’anno Il Sole 24 Ore ha stilato la classifica dei migliori posti dove vivere in Italia. Lo studio tiene conto di 6 categorie (tenore di vita, affari e lavoro, servizi ambiente e salute, popolazione, ordine pubblico e tempo libero).

Trentino Alto Adige: the place to be

Nel 2013 la corona spetta al Trentino Alto Adige con Trento, dove è avvenuto un maxi sequestro di pastelli tossici, e Bolzano rispettivamente in prima e seconda posizione. Completano la top ten Bologna, Belluno, Siena, Ravenna, Firenze, Macerata, Aosta e Milano. Bolzano guadagna il secondo gradino del podio grazie a bassa dissocupazione, turismo e ordine pubblico. Trento invece si pone in cima alla classifica grazie alle opportunità di lavoro creata dalle nunmerose start-up locali, favorite dall’utilizzo della banda larga. Oristano è la città più sicura mentre Siena è quella più ricca di svaghi. Milano, che ha scoperto di essere colpita da una vera e propria epidemia di AIDS, invece brilla in quanto a “tenore di vita”.

Il Sud in fondo alla classifica

Dalla classifica è anche emerso che il Sud mostra ancora una qualità della vita piuttosto bassa. Quasi tutte le province meridionali sono nelle ultime posizioni: Benevento (81°), Salerno (93°), Avellino (94°), Caserta (103°), Taranto (104°). Messina è la città con il più basso tenore di vita mentre Palermo e Napoli occupano le ultime due posizioni nella classifica generale.

Leggi anche:  I dolcificanti non fanno dimagrire: si rischia l’effetto opposto e il diabete