La World Meteorological Organization (WMO) ha inserito il 2013 al settimo posto nella classifica degli anni più caldi dal 1850 ad oggi

Le elevate temperature registrate durante il 2013 sono state davvero da record. La World Meteorological Organization, l’organizzazione dell’Onu che ha pronosticato un futuro non certo roseo per la Terra a causa dei cambiamenti climatici, ha inserito quest’anno al settimo posto nella classifica dei periodi più caldi dal 1850 ad oggi. Simili temperature inoltre possono favorire, sottolinea la WMO, “eventi estremi”.

Il caldo avanza

“Tutte le annate più calde si sono verificate dopo il 1998. Quest’anno si inserisce ancora una volta in questa tendenza.”  – ha spiegato Michel Jarraud, segretario generale della WMO – “Ormai gli anni più freddi sono più miti di quelli più caldi registrati fino a quindici anni fa. La concentrazione dei gas serra nell’atmosfera ha raggiunto nuovi record nel 2012. Ci attendiamo che nel 2013 salga ancora. Questo significa che farà sempre più caldo”.

Leggi anche:  I suoni che ci sono mancati di più durante la pandemia