Disney lancerà la sua nuova piattaforma il 12 novembre al costo di 6,99 dollari al mese

Il guanto della sfida è stato lanciato: Disney annuncia l’arrivo del suo nuovo servizio di streaming Disney+, che si preannuncia molto competitivo sia per contenuti che per costi. Tutti i dettagli di questo nuovo progetto sono stati svelati da Bob Iger in persona: lo chief executive del colosso statunitense ha parlato della sua nuova strategia di conquista durante un evento degli Studios di Burbank tenutosi l’11 aprile.

Netflix e Disney+ a confronto

Il nuovo servizio di streaming della Disney potrà vantare un nutrito catalogo di film e serie originali e costerà soli 6,99 dollari al mese, ma Disney+ offrirà anche un abbonamento annuale a 69,99 dollari.

Il suo debutto è previsto negli Stati Uniti a partire dal 12 novembre, mentre in Europa e Asia è previsto l’anno prossimo.

Iger punta in alto e lo dichiara fin da ora: fino a 90 milioni di abbonati entro il 2024, anno in cui Disney+ dovrebbe essere in attivo dopo picchi di perdite previsti tra il 2020 e il 2022.
Guardando alla concorrenza, la rivale per eccellenza Netflix, con 139 milioni di abbonati mondiali, oggi viene a costare quasi il doppio: il pacchetto minimo richiede 9 dollari al mese, mentre l’offerta standard costa 13 dollari. Al momento l’offerta di Disney+ sembra superare per vantaggi anche le altre concorrenti come Amazon, AT&T-Time Warner, Comcast e Apple.

Una sfida a colpi di serie serie tv e supereroi

Ma non è solo il costo l’aspetto allettante della nuova piattaforma di streaming della Disney. Il servizio infatti punta su una libreria di titoli di assoluto rispetto, film e show vari targati sia Disney che Pixar, la serie di Guerre Stellari, National Geographic ma soprattutto punterà sui super-eroi della Marvel. L’offerta includerà inoltre l’archivio dell’appena rilevata Fox.

Cosa ci si può aspettare quindi dal primo anno di Disney+?
Il programma è di offrire in streaming dieci film e 25 serie originali, tra cui tre spin-off degli Avengers della Marvel, su un totale di 7.500 show televisivi accessibili, di 100 lungometraggi recenti e di 400 classici.

Una partenza col botto, che denota un chiaro intento di non risparmiare risorse su questo progetto: una delle serie originali, The Mandalorian basata su Star Wars, è costata cento milioni per dieci episodi, quanto le puntate Tv più care di Game of Thrones di Hbo, per intenderci.

Per concludere in bellezza, fin dal primo giorno saranno disponibili tutte e 30 le stagioni della mitica serie dei Simpsons. Ci sarà inoltre ogni capitolo della saga Star Wars, l’intera produzione di Pixar e programmi e film per famiglie di Fox quali The Sound of Music Malcolm in the MiddleTitanicAvatar.

Leggi anche:  iFoodies Awards 2019: le premiazioni della app che punta sulla qualità del cibo