Hotel Beethoven Wien, centralissimo, trendy, accogliente: l’hotel è uno scrigno di storie che raccontano l’anima di questa città

L’hotel Beethoven Wien è un gioiello di comfort, design e personalità che si trova nel cuore del VI distretto di Mariahilf/Naschmarkt, un quartiere emergente, dove continuamente inaugurano tendenze e nuovi locali della movida viennese. Comodissimo per la sua posizione, l’hotel Beethoven Wien si trova a due passi dal Palazzo della Secessione, a 10 minuti a piedi dal Quartiere dei Musei.

Sfruttando la sua collocazione strategica l’Hotel Beethoven Wien per questa estate  propone un innovativo modo per conoscere ed esplorare la città “il cultural trainer” Konstantin: un percorso di un’ora con un personal trainer che guida alla scoperta di alcuni luoghi simbolo della capitale austriaca, ogni tappa del percorso diventa l’occasione non solo per allenare il fisico ma anche per nutrire lo spirito con racconti e spiegazioni sulla storia dei luoghi e dei monumenti.

Oltre ai piaceri della cultura anche quelli del “bien vivre”, l’hotel si trova, infatti, a due passi dal Naschmarkt, il mercato più famoso di Vienna, diventato ormai un ritrovo alla moda: qui non si possono solo acquistare ottimi prodotti enogastronomici scegliendo tra più di cento bancarelle ma si può anche lasciarsi conquistare da un animato mondo gastronomico con locali che spaziano dalla cucina del territorio ai sapori mediorientali. Un luogo in continuo fermento. Nel Naschmarkt da poco, ad esempio, è stato inaugurato il Bar Krawall che offre una ricca scelta di vini, specialità di carne di bufalo, yak e salveggina, formaggi del caseificio viennese Lingenhel, nonché l’eccellente pane di Joseph Brot. A proposito di pane, ai numerosi fantastici panifici di Vienna, a partire da questa primavera, se ne è aggiunto uno nuovo: Dampfbäckerei Öfferl. Le specialità di questo panificio della Bassa Austria si possono ora acquistare nella nuova sede del centro storico dove c’è anche la possibilità di osservare i panettieri al lavoro.

Leggi anche:  Martina Caruso vince il premio Michelin Chef Donna 2019

Altra recente novità riguarda la Torre del Danubio nel 22esimo distretto che, con i suoi 252 metri di altezza, è un punto panoramico molto popolare a Vienna. Al suo ristorante girevole a 170 metri di altezza si aggiunge ora, ai piedi della torre, il Donaubräu, un locale dotato di un vasto giardino nel verde Donaupark.

I giardini e i parchi d’estate sono, infatti, un’altra straordinaria occasione per vivere la città: Vienna è una città verde con oltre 800 parchi, vere oasi urbane da gustare ora pedalando, ora godendosi un po’ di relax sui prati o passeggiando lungo i numerosi sentieri per un’atmosfera romantica. Sul laghetto Heustadlwasser del Prater è possibile noleggiare un pedalò, nel parco di Sigmund Freud tra il Campus universitario e la Chiesa votiva in estate vengono messe a disposizione sedie a sdraio gratuite, mentre al Bruno Kreisky Park comode amache. Chi è alla ricerca di un’atmosfera imperiale, non dovrà farsi mancare una gita nel Burggarten, dove c’è un prato attrezzato per i picnic.

Molto apprezzato a Vienna è anche il parco del castello di Schönbrunn, patrimonio dell’Umanità dal 1996, qui il 20 di giugno, si terrà l’attesissimo (e gratuito) Concerto di una notte d’estate dei Filarmonici Viennesi. L’edizione 2019 sarà diretta dal direttore d’orchestra venezuelano Gustavo Dudamel ed al suo fianco ci sarà la straordinaria pianista Yuja Wang.

Leggi anche:  Ecco la nuova Golf GTI TCR

L’hotel Beethoven Wien è al centro del fermento creativo, mondano e culturale della città, basti pensare che dal mezzanino dove si sorseggia una tazza di thè ascoltando musica dal vivo, si vede il Theater an der Wien dove debuttò il Flauto magico di Mozart e che nei prossimi mesi sarà teatro di numerosi appuntamenti ed eventi per i 250 anni della nascita di Ludwig van Beethoven che al Theater an der Wien ha debuttato con il Fidelio. L’hotel è intessuto delle mille storie della città, ogni piano è dedicato a un tema diverso: alla musica, al teatro, alla secessione e alle personalità che hanno reso Vienna grande. A Beethoven e al teatro an der Wien, che restò sempre un teatro popolare molto amato dalla gente, sono rispettivamente dedicati il terzo e il quarto piano dell’Hotel Beethoven Wien.

Sei piani, tutti diversi, con 47 camere con stili che vanno dal Biedermeier all’ Art Nouveau. Ogni stanza è unica con oggetti e lampade di Design, arredi curiosi e dettagli di stile provenienti da tutta l’Europa, manifesti e wallpaper originali della Secessione.

E poi c’è la proprietaria Barbara Ludwig, autoctona Viennese innamorata della propria città, che accoglie gli ospiti con discrezione e cordialità, provvida di consigli sulle mete più trendy e curiose e sulle mostre o gli eventi in cartellone da non perdere.

Leggi anche:  Prosegue la crescita dei Musei Ferrari

Anche per l’estate 2019, l’Hotel Beethoven Wien, dunque, è il punto di partenza ideale un’esperienza di soggiorno unica e lontana dagli standard comuni. I pernottamenti partono da euro 100,- in doppia compreso di thè, caffè e pasticceria viennese nel pomeriggio.