Mahmood durante la conferenza stampa all'Eurovision Song Contest

Happy. È la prima parola di Mahmood appena sceso dal palco dell’Expo di Tel Aviv, dove sono in corso le prove per l’Eurovision Song Contest. Alessandro ha cantato tre volte (con un cambio di look, camicia prima bianca poi a fiori) il suo brano, “Soldi”. All’Eurovision le prove sono innumerevoli: per Mahmood quella di stamattina era la seconda volta sul palco, ed è andata molto bene.

Rispetto alla prima prova ha recuperato la voce, che negli ultimi giorni era stata fiaccata da un malessere che si è risolto giusto in tempo. Se l’attacco di “Soldi” vi sembra strano, sappiate che è proprio così che deve essere: è diverso, perché qui Mahmood porta una versione “Eurovision”, che pone dei limiti alla lunghezza delle canzoni in gara. Ma “Soldi” praticamente non cambia, resta trascinante: clap clap compulsivo tra il pubblico ammesso a vedere le prove, impatto internazionale dell’esibizione, forza, innata capacità comunicativa. Insomma, c’è tutto.

Mahmood: la conferenza stampa

A Mahmood in conferenza stampa è stato chiesto come sono sembrate queste nuove prove, e lui ha confermato: “Sono migliorato sul palco, sono contento della resa avuta stamattina. Forse cambieremo qualcosa della performance, forse no: le prove si fanno per mettere a punto l’esibizione”, che, ricordiamo, è pensata per privilegiare lo show televisivo.

Leggi anche:  I suoni che ci sono mancati di più durante la pandemia

Infine, con un sorriso quasi timido, risponde a chi gli chiede se qualche anno fa si sarebbe immaginato qui, dopo aver vinto il Festival di Sanremo, che “Questa è da parecchi anni la mia aspirazione, ma non mi sono mai aspettato di trovarmi così velocemente su questo palco. È tutto nuovo per me. Tu lavori, lavori, lavori per raggiungere uno scopo e quando ci arrivi non ti rendi nemmeno bene come tu l’abbia fatto”. Insomma, Mahmood è qua e pare si stia godendo il momento alla grande: quale modo migliore per affrontare una competizione così vista e amata in Europa e anche oltre?