Uno studio rivela che le probabilità di smettere di fumare sono quasi la metà per le donne rispetto agli uomini

Oltre ad essere più sensibili alle patologie respiratorie rispetto agli uomini, le donne avrebbero anche maggiore difficoltà ad abbandonare il vizio del fumo, che ad oggi accomuna quasi un miliardo di persone ed è causa di oltre 40 patologie.

Gli effetti del fumo lasciano una firma persistente nel Dna umano e smettere di fumare non è mai facile, anche se è stato recentemente sviluppato un apposito test pensato per aiutare ad individuare la strategia più adatta. Nel perseguire questo difficile obiettivo tuttavia le donne sarebbero più svantaggiate rispetto agli uomini, secondo un nuovo studio presentato al Canadian Cardiovascular Congress (CCC) del 2019. Carolina Gonzaga Carvalho, ricercatrice dell’ospedale di St. Michael, Toronto, tramite un’analisi retrospettiva di 233 pazienti ha infatti scoperto che le donne mostravano una prevalenza maggiore di ansia o depressione rispetto agli uomini (il 41% contro il 21%), rendendo così più difficoltosi i tentativi di smettere di fumare.

Interventi specifici sul sesso

La ricercatrice ritiene inoltre che un ruolo determinante venga svolto da fattori ormonali o sociali, anche se al momento si tratta solo di uno studio osservazionale, che non va ad indagare le cause. I dati raccolti risalivano al periodo tra il 2008 e il 2018. A diversi pazienti venivano prescritti farmaci come quelli relativi alla terapia sostitutiva della nicotina oppure bupropione e vareniclina, in base a vari casi. Il 35% era di sesso femminile e l’età media era di 56 anni.

“Il nostro studio sottolinea la necessità di interventi specifici sul sesso e la copertura finanziaria dei farmaci per smettere di fumare”, dichiara la ricercatrice in un comunicato stampa. In Nord-America inoltre sussiste un altro fattore che va a complicare ulteriormente la situazione, in quanto le donne hanno maggior difficoltà ad accedere ai vari trattamenti farmacologici disponibili per aiutare il percorso intrapreso da chi vuole smettere di fumare.

Leggi anche:  Resistenza agli antibiotici, in Italia il primato negativo di decessi