“Giro in slitta” in Lapponia a bordo della MINI John Cooper Works Clubman

In inverno la neve è una costante viaggiando su strada attraverso la Finlandia del Nord. Con un po’ di fortuna si può osservare l’aurora boreale nel cielo notturno. Durante il giorno, le strade di campagna infinitamente lunghe e deserte, sono il luogo ideale per testare le performance della trazione integrale MINI, seguendo le tracce dei leggendari “finlandesi volanti”

Saranno state le condizioni di allenamento della patria finlandese ad aver dato vita a due dei più grandi piloti di Rally mai esistiti. Infatti, Timo Mäkinen e Rauno Aaltonen, entrambi finlandesi, acquisirono la prontezza di mani e piedi guidando tra le strade deserte della Lapponia, solitamente ricoperte di neve già in tardo autunno, e a volte anche sui laghi ghiacciati. Più avanti, i piloti hanno potuto trarre vantaggio da queste esperienze sfidandosi all’ultimo secondo durante le gare di Rally. MINI è particolarmente legata ai due “finlandesi volanti”. Rispettivamente nel 1965 e nel 1967, Mäkinen e Aaltonen ottennero la seconda e la terza vittoria assoluta guidando la classica MINI Cooper S durante il Rally di Monte Carlo.

Fin dal primo momento, si intuisce che la guida sportiva in Lapponia richieda abilità speciali, anche se si tratta di un viaggio invernale su strada a bordo di un modello contemporaneo come la MINI John Cooper Works Clubman (consumo di carburante combinato: 7.4 – 7.1 l/100 km, emissioni di CO2 combinate: 169 – 161 g/km). La potenza di 225 kW / 306 CV sotto il cofano motore richiede un uso sensibile dell’acceleratore, mentre la trazione integrale ALL4 si occupa della distribuzione, ad alta precisione, della
potenza della coppia motrice tra le ruote anteriori e posteriori. E se il buonumore prende il sopravvento, c’è sempre il Dynamic Stability Control (DSC) per placare gli animi.

Leggi anche:  "Dylan Dog. Oldboy 1" debutta in edicola

Potenza di livello, quattro ruote motrici e assistenti elettronici non erano ancora disponibili all’epoca d’oro di Mäkinen e Aaltonen. I due piloti hanno compiuto le loro spettacolari manovre di guida con mezzi molto più modesti. Nel 2010, sono stati i primi piloti a essere inseriti nella “Rally Hall of Fame” recentemente costituita – insieme a Paddy Hopkirk dall’Irlanda del Nord, il quale aveva già conquistato la prima vittoria assoluta a Monte Carlo
guidando la MINI classica nel 1964. Difficilmente si tratta di una coincidenza il fatto che la Rally Hall of Fame si trovi proprio in Finlandia. I grandi di questa disciplina vengono celebrati al museo dell’automobile Mobilia a Tampere. Nel corso degli anni, numerosi altri piloti di Rally provenienti dalla terra dei mille laghi si sono guadagnati il soprannome di “finlandese volante”. Non meno di undici degli attuali 26 membri della “Rally Hall of Fame” sono finlandesi. La visita al museo rappresenta il trampolino di lancio ideale per un viaggio sulle orme delle leggende del Rally. E le aspettative aumentano spontaneamente con la possibilità di testare le caratteristiche di performance della MINI John Cooper Works Clubman sul ghiaccio e la neve.

Chiunque parta da Tampere fino in Lapponia ha la possibilità di viaggiare a nord per centinaia di chilometri lungo la costa occidentale della Finlandia in modo da abituarsi gradualmente alle temperature artiche della zona. In Lapponia, l’inverno si manifesta nella sua forma più pura: freddo glaciale e tanta neve. È importante coprirsi con indumenti termici. La MINI John Cooper Works Clubman offre abbastanza spazio per ospitare l’abbigliamento adeguato grazie al suo bagagliaio posteriore di 360 litri, alloggiato dietro le due porte posteriori ad apertura frontale. Dopo aver abbassato lo schienale del sedile posteriore, il volume di stivaggio aumenta fino a 1250 litri. E uno spazio ulteriore è disponibile nel box da tetto MINI per ospitare giacche a vento, abbigliamento da sci e calze di lana. Quest’ultimo offre una capacità di 320 litri e può essere fissato in modo sicuro e in pochi semplici passaggi ai mancorrenti opzionali della MINI John Cooper Works Clubman e tramite il portapacchi fornito nella gamma di accessori MINI Original.

Leggi anche:  Hannspree per la natura

Dopo una sosta a Rovaniemi, capoluogo della Lapponia, è sufficiente un breve viaggio per attraversare il Circolo Polare Artico a nord. La vastità del paesaggio invita a seguire semplicemente la strada in un viaggio attraverso fitte pinete e numerosi laghi. La MINI John Cooper Works Clubman procede imperturbabile nella neve profonda. Molto lontano da segnali di stop e dai semafori, le superfici ghiacciate offrono la possibilità di perfezionare l’arte del drifting.

La Lapponia si estende a nord della Svezia, Norvegia, Finlandia e Russia. Comprende l’area di insediamento degli indigeni Sámi, la cui cultura e storia sono documentate in un museo nel villaggio di Inari. Chiunque sia arrivato fino a qui, potrebbe pensare di continuare il proprio viaggio fino a Capo Nord sull’isola norvegese di Magerøya. Dopo tutto, sono solo altri 400 chilometri di guida. Molte località in Lapponia offrono la possibilità di fare un’escursione con le ciaspole o un giro su una slitta trainata da cani alla scoperta delle volpi artiche, delle civette delle nevi e altri animali immersi nel loro ambiente naturale. Inoltre, turisti provenienti da tutto il mondo sono attratti dall’estremo nord per ammirare l’aurora boreale durante la lunga notte invernale. Bisogna essere veloci per guadagnarsi un buon punto di osservazione quando le temperature e le condizioni di visibilità diventano
ideali per dar vita a questo fenomeno naturale.

Leggi anche:  Storie Alfa Romeo, prima puntata: a bordo della Alfa Romeo 24 HP

La MINI John Cooper Works Clubman non delude e questo viaggio extra riserva un’altra sorpresa. Durante il “giro in slitta” notturno da 306 cavalli, gli opzionali fari adattivi a LED con funzione Matrix per gli abbaglianti, illuminano il percorso fino a raggiungere un punto di osservazione che, fra i tanti, offre una buona visione del luminoso e spettacolare fenomeno naturale. Il parco zoologico di Ranua offre una straordinaria possibilità di conoscere il modo animale artico. È situato nella periferia della piccola cittadina di Ranua approssimativamente a 80 chilometri a sud di Rovaniemi, e i visitatori dello zoo hanno l’opportunità di vedere da vicino alci, renne, orsi bruni e polari, lupi, volpi artiche e molti altri animali originari della Scandinavia. I percorsi e i ponti in legno conducono oltre gli spaziosi recinti. Il parco zoologico di Ranua è stato aperto nel 1983 ed è l’attrazione turistica più popolare nella Finlandia del Nord.

Gli appartamenti e gli Artic Fox Igloos forniscono alloggio per un soggiorno più lungo al parco zoologico. Questi servizi sono situati direttamente sulle rive del lago Ranuanjärvi. Ognuno di essi è dotato di sauna e una camera da letto con una finestra panoramica che guarda a nord per offrire una vista eccezionale. Non esiste praticamente nessun altro posto in Lapponia dove si può osservare la famosa aurora boreale godendo di un ambiente così confortevole o caldo.