Qualche ora fa la navetta Soyuz è partita dal Kazakistan per portare nello Spazio altri tre astronauti, simbolo della pace tra paesi divisi

Cosa ci fanno un astronauta americano, un russo e un tedesco? Di certo non sono i protagonisti di una barzelletta da bassi fondi, anzi. I tre, partiti qualche ora fa dal cosmodromo russo nei pressi di Baikonur, in territorio kazako, raggiungeranno la Stazione Spaziale Internazionale per arricchire l’attuale equipaggio composto da un cittadino degli Stati Uniti, Steve Swanson, e due russi, Aleksandr Skvortsov e Oleg Artemiev.

Il nuovo equipaggio

Il russo Maksim Suralev, l’americano Reid Wiseman e il tedesco Alexander Gerst resteranno in orbita per 167 giorni e daranno il cambio gli astronauti che ora si trovano sulla ISS. I tre, provenienti da paesi che non vivono buoni rapporti politici, prima della partenza, si sono abbracciati simbolicamente per dimostrare l’assenza di attriti o rivalità tra colleghi, anzi tra cittadini di nazioni così diverse tra loro. Il turnover sulla Stazione Spaziale Internazionale proseguirà durante il prossimo autunno e ci riguarderà da vicino. Toccherà infatti all’italiana Samantha Cristoforetti solcare la porta della ISS il prossimo 30 novembre.

Leggi anche:  "Il mio gioco preferito - seconda parte", il nuovo disco di Nek