Un nuovo rapporto realizzato negli Stati Uniti conferma che fumare è la causa diretta di oltre 40 patologie. Il rischio più alto riguarda i bambini le cui madri fumano in gravidanza

I nuovi dati contenuti nel Surgeon General, un documento stilato da esperti statunitensi sui rischi legati al fumo, conferma che il pericolo derivante dalle sigarette è effettivamente stato sottostimato. Le ultime ricerche confermano che il tabacco è responsabile di oltre 40 patologie che interessano diverse parti del corpo, dal cervello alle ossa.

Il fumo danneggia tutto l’organismo

Nel Surgeon General si afferma che le donne sono quelle che corrono più pericoli dal vizio del fumo. Tra le malattie attribuite alle sigarette ci sarebbero ictus, glaucoma, che può essere causato anche da un abuso della pillola contraccettiva, e diversi tipi di tumori. I rischi maggiori sono legati ai nascituri, nel caso in cui le loro madri fumino in gravidanza. Secondo gli ultimi studi i bambini possono sviluppare labbro leporino, diabete, artrite reumatoide e alcune forme di osteoporosi. 

Attualmente ci sono 1 miliardo di fumatori nel mondo e solo negli Stati Uniti 400mila persone ogni anno muoiono a causa di questo vizio.

Leggi anche:  Alzheimer, arriva la diagnosi attraverso la scansione del collo