Buone notizie per chi sta ancora combattendo la sua lotta personale per abbandonare la sigaretta: arriva l’app gratuita per tablet e smartphone che vi aiuterà a smettere di fumare

Da un’iniziativa dell’Unione Europea, iCoach (che richiama furbescamente l’universo Apple senza che ci sia davvero un nesso) è stata ideata nell’ambito della campagna “Exsmokers are unstoppable” (“Gli ex fumatori sono irresistibili”). Una speciale applicazione basata su metodi di persuasione e coercizione simili ad una sorta di percorso psicoterapeutico, durante il quale un “coach” virtuale vi aiuterà dall’inizio alla fine nella difficile battaglia per sconfiggere il nemico fumo. Si parte con un questionario, che serve ad iCoach per capire che tipo di fumatore siete e quale rapporto vi lega al vizio del fumo, che accomuna…
Lo scopo è quello di formulare una strategia personalizzata, che si adatti meglio al vostro profilo caratteriale, per debellare definitivamente il fumo dalla vostra vita. Smettere di fumare migliora indubbiamente la qualità della vita, riducendo anche  ansia, stress e migliorando l’umore. Senza contare che il fumo è causa di oltre 40 patologie, cui rischi spesso sono sottovalutati,

Un “allenamento” personalizzato

L’app vi chiede se avete già tentato di smettere di fumare, perché avete fallito, per quanto avete smesso e altre domande di questo genere. Quindi passa alla fase di ideazione del piano personalizzato, che può basarsi su una drastica riduzione del numero di sigarette al giorno o anche sull’abbandono totale, a seconda dei casi. Comune denominatore di ogni strategia anti-fumo formulata da iCoach è la capacità di tenere il conto di tutte le volte che ci si fuma una sigaretta e il tempo intercorso tra una e l’altra.
Ancora in fase di sperimentazione sembra che iCoach abbia già ottenuto risultati promettenti.
Ecco perché tutti i fumatori che hanno fallito con altri tentativi quali cerotti, gomme o sigarette elettroniche (ancora considerate il metodo migliore per smettere), dovrebbero provare con la nuova app.

Leggi anche:  Biologia sintetica, ricostruita in laboratorio la proteina "Lego" della vita