Passi ore con lo smartphone in mano? Potresti soffrire di depressione

Ad affermarlo è uno studio pubblicato sul Journal of Medical Research da un gruppo di ricercatori coordinato da David Mohr, direttore del Center for Behavioral Intervention Technologies della Feinberg School of Medicine (Northwestern University, Chicago).

I segnali di rischio

La ricerca sostiene che un possibile segnale di depressione potrebbe essere il tempo trascorso usando il telefonino: raccogliendo questi semplici dati è quindi possibile valutare il benessere psicologico di una persona. Chi trascorre ore attaccato allo smartphone, persino mentre cammina o è alla guida dell’auto, è probabilmente depresso. Del resto, la ricerca scientifica ha sempre messo in croce l’utilizzo eccessivo di device mobili quali smartphone e tablet, che possono alterare il sonno, abbassare la soglia di concentrazione e persino indurre cattive abitudini a tavola, spingendo a mangiare in fretta e masticare male.

Il test ha fornito ai 40 partecipanti un’App per cellulare che per 2 settimane ha raccolto informazioni sull’utilizzo del telefonino. All’inizio i partecipanti hanno compilato un questionario sui sintomi della depressione, mentre lo stile di vita di ogni giorno è stato monitorato utilizzando il sistema GPS del cellulare.

Quanti minuti indicano depressione?

I risultati dicono che più tempo si trascorre al cellulare maggiori sono i rischi di cadere in depressione. I depressi stanno al telefono 68 minuti al giorno, contro i 17 minuti di telefonate quotidiane di chi gode di un ottima salute psicofisica.
Un’altra associazione è stata fatta anche con l’abitudine di passare la maggior parte del tempo fra le mura domestiche o in pochi altri luoghi, un comportamento che “riflette la perdita di motivazione tipica della depressione”.
Il monitoraggio dell’uso del cellulare permette di identificare le persone con sintomi di depressione con un’accuratezza dell’87%.

“Verificheremo – aggiunge Sohrab Saeb, primo nome dello studio – se è possibile ridurre i sintomi della depressione incoraggiando le persone a visitare più luoghi durante la giornata, ad avere una routine più regolare, a passare più tempo in luoghi diversi o a ridurre l’uso del cellulare”.